fbpx
News

Da una Fruit Attraction in gran spolvero appello alla politica

By 23 Ottobre 2019 Ottobre 29th, 2019 No Comments

Bruni a Madrid: “Occorre una netta svolta nell’export”

“Qui non c’è solo la voglia di esserci ma vediamo anche la volontà delle nostre imprese di continuare ad affacciarsi sulla ribalta internazionale con la ferma determinazione non solo di confermare la loro presenza ma anche di intrecciare nuove relazioni, di cogliere nuove opportunità e di crescere. Spiace, alla luce di questo, che a livello di sistema i conti non tornino, che, come purtroppo è noto da qualche giorno, l’interscambio commerciale con l’estero della nostra ortofrutta registri per la prima volta un saldo negativo per 12 milioni di euro. Un grande Paese ortofrutticolo come l’Italia non può diventare un importatore netto. Siamo su un piano inclinato, non sarà facile, ma dobbiamo raddrizzarlo”.

Così Paolo Bruni, presidente di CSO Italy, lancia un appello, principalmente rivolto alla classe politica del nostro Paese, dalla Fruit Attraction di Madrid che ha aperto i suoi battenti in grande spolvero, con una presenza italiana importante tra cui spicca, al padiglione 10, sotto il cappello “Italy, The Beauty of Quality” la collettiva di CSO Italy con dieci tra le maggiori aziende ortofrutticole del nostro Paese.

“Siamo qui – sottolinea Bruni – in questa fiera che cresce di anno in anno e attorno a questo nostro stand vediamo aziende spagnole, quindi di un Paese che ha sviluppato relazioni internazionali di primo piano e che, per fare due esempi, può esportare in Cina pesche, nettarine e uva da tavola e in Vietnam uva da tavola, mercati preclusi ai nostri esportatori. Vediamo stand di Olanda e Belgio che possono esportare in Cina le pere, di cui siamo i primi produttori europei, ma in Cina non ci possiamo andare. Il settore lo sa. Questi handicap devono essere superati se non vogliamo che le aziende chiudano. Gli accordi internazionali, i famosi dossier, vanno avanti se la nostra classe politica, se il nostro governo, se il nuovo ministro si impegnano in prima persona supportando con un’azione politica decisa il lavoro degli esperti. Riconosciamo alla ministra Bellanova di aver colto il problema quando ha dichiarato che occorre investire maggiormente nell’internazionalizzazione. Questa è la strada giusta che dobbiamo percorrere”.

“Ecco – precisa il presidente di CSO Italy – da Madrid deve partire un appello alla nostra politica di cui sono profondamente convinto. Se non vogliamo che un settore fondamentale della nostra agricoltura, del nostro export, della nostra economia muoia, dobbiamo agire, è il tempo di agire. L’esempio l’abbiamo qui, attorno a noi, in questo Paese che è diventato la locomotiva dell’ortofrutta europea, ruolo che per molti anni è stato del nostro Paese. Non è tempo di aspettare. L’ortofrutta non può essere lasciata sola”.